“Il servizio proseguirà regolarmente, non escludiamo di aumentare i posti letto”

Dal 31 luglio, la Cooperativa Sociale Frassati non assicura il servizio dei propri operatori presso l’Ospedale di Settimo. Lo ha comunicato alla società la Cooperativa stessa, il cui contratto di appalto della durata di dodici anni, assegnato senza gara, è peraltro scaduto in data 28 aprile 2021.

L’operatività dell’Ospedale resta garantita attraverso un contratto di urgenza (così come previsto del Codice degli Appalti) alla Società CM Service s.r.l., che assicura il medesimo servizio, a costi inferiori a quelli applicati dal gestore storico. La società già opera come aggiudicatario di gara di appalto dell’Asl To4 e di altre AASSLL della Regione.

“Nella situazione precedente, l’Ospedale funzionava a ritmo inferiore alle sue potenzialità, perché il socio privato ci comunicava l’impossibilità di assicurare il necessario monte-ore di personale infermieristico e socio-assistenziale”, spiega l’Amministratore Unico Alessandro Rossi, “ma con il ricorso ad altro operatore possiamo garantire la continuità del servizio, a costi inferiori per la società; non escludiamo anzi di riportare il numero di posti letto operativi al 70-80% del tetto riconosciuto in accreditamento, secondo le esigenze e le disposizioni del Servizio Sanitario Regionale”.

Si tratta di una soluzione temporanea fino al 31/8, data entro la quale l’assemblea dei soci di SAAPA verrà comunque convocata per deliberare un affidamento  che assicuri l’operatività dell’ospedale lungo tutto l’arco di tempo necessario a perfezionare l’iter amministrativo di conclusione della sperimentazione.

La legge regionale 12/2008 prevede infatti che la Giunta, attraverso propria deliberazione, possa “stabilizzare” la sperimentazione ovvero dichiararla conclusa: anche  in questa seconda ipotesi, l’Ospedale continuerebbe ad operare come presidio dell’ASLTO4.

ospedale settimo